addestramento ed educazione dei cuccioli e del cane adulto

lunedì 23 aprile 2012

Miska - Cane Siberiano che abbaia di notte


 
Salve,

sono Mara, una ragazza di Bergamo, tre anni fa circa mio padre mi ha regalato un bellissimo samoiedo, Miska, proveniente dalla Siberia. 

Mia madre si rifiuta categoricamente di tenere il cane in casa e perciò il cane vive tra il giardino (che comunque è abbastanza grande) e il sotterraneo dove abbiamo un garage molto grande e dove c'è la  sua cuccetta e le sue ciotole.

I primi due anni sono passati lisci: la notte dormiva, di giorno correva in continuazione.

A partire dalla fine del 2011 è diventato un incubo: abbaia in continuazione e,  mentre di giorno basta solo che io apra la finestra e mi faccia vedere per farla smettere, di notte i miei si devono alzare 5 o 6 volte ( io non la sento avendo la camera spostata dal giardino).

I miei davano colpa al gatto che la nostra simpatica vicina ha comprato (dopo ha scoperto di essere allergica ai gatti) che vaga sempre per la via.

Perciò hanno messo delle barriere sulle ringhiere che delimitano il giardino in modo che non si possa vedere nulla fuori.

Tuttavia nulla è cambiato, abbaia in continuazione.

Il dubbio che mi viene è che quando abbaia non si rivolge verso il cancello, come se volesse abbaiare realmente a qualcuno, ma abbaia seduta in mezzo al giardino al nulla. 

Vorrei capire a cosa è dovuto questo.

Fosse per me la notte me la terrei con me avendo una mansarda molto grande ma i miei non me lo permettono, anche perchè io, facendo molte notti in ospedale, non ci sarei sempre perciò si ritornerebbe sempre al punto di prima. 


Un'ultima informazione è che spesso il cane è in giardino da solo, io studio e i miei lavorano tutto il giorno ma appena siamo a casa la portiamo in giro..

Io quando riesco la porto all'area ludica per cani, per farla sfogare un po'.

A quanto pare non serve.

Spero che possa davvero essermi di aiuto, i miei mi minacciano di voler dare il  cane a un allevamento se non trovo una soluzione.

La ringrazio tantissimo. Mara
_________________________________________________________

Rispondo gli addestratori - educatori cinofili Stefania Dalla Santa e Manuel Severin del Centro Cinofilo  "Ai Lavai" di Arcate (Treviso)

Salve Mara,
da quello che lei descrive sembra che la sua cagnotta sia davvero annoiata e che utilizzi l’abbaio non solo per passare il tempo ma anche per richiedere la vostra attenzione.

Aprendo la finestra per rimproverare Miska quando abbaia, rischiate soltanto di rinforzare il suo comportamento. 

Lei è fuori e si sente sola, abbaiando ottiene la vostra attenzione. 

Deve sapere che ogni razza è stata selezionata per essere d’aiuto all’uomo in diverse mansioni. 

In particolare il Samoiedo per rendersi utile nel traino delle slitte, nella guardia alle renne e nelle attività di caccia.  

Anche se questi animali, da anni, vengono adottati anche come cani da compagnia mantengono comunque le caratteristiche della razza in origine necessitando quindi di lavorare. 

Viene poi da pensare che Miska provenendo dalla Siberia mantenga ancor più le caratteristiche originali della razza perché probabilmente da quelle parti il Samoiedo viene ancora utilizzato come animale da lavoro.

Mettere a disposizione di un cane un grande giardino e portarlo a passeggio quando si ha del tempo libero non è sicuramente sufficiente.  

La maggior parte dei cani sono in grado di sopportare grandi sforzi fisici mentre sopportano meno delle attività di tipo mentale. 

Oltre a garantire delle uscite giornaliere e frequenti, potrebbe esserele utile  praticare delle attività ludico/sportive come l’Agility, la Dog Dance, il Disc Dog, ecc. ecc.,  queste attività aumentano il rapporto con l’animale, ne migliorano la gestione,  lo stimolano mentalmente e lo stancano. 

Inoltre molte di queste attività possono essere praticate anche a casa ritornando così utili quando si ha poco tempo per uscire e/o quando fuori piove.

In vostra assenza le suggeriamo di lasciare a disposizione di Miska dei giochi di attivazione mentale detti anche di problem solving. 


giochi di attivazione mentale ideati da Stafania per le sue Cora e Isabelle

Sono dei giochi che tengono impegnati mentalmente i nostri amici a 4 zampe stimolandoli mentalmente e stancandoli in poco tempo. 

In commercio se ne trovano di diversi tipi, se si ha del tempo, si possono anche costruire. 

Un gioco interattivo, facile da preparare, potrebbe essere quello di mettere a disposizione dei croccantini per cani all’interno di una bottiglia senza tappo. 


La mia Dobermann Agnes con la bottiglia dei croccantini (Ezio)

Per ottenere il cibo il cane dovrà ingegnarsi nel farle uscire.




Speriamo che i nostri consigli possano esserle d’aiuto per limitare il problema di Miska.

Rimaniamo a sua disposizione.

Buona giornata.

Stefania e Manuel



ciao Ezio,
ho letto ora la risposta pubblicata sul tuo sito..
Ringrazio molto te, Stefania e Manuel.
Vi farò sapere qualcosa appena possibile.
Speriamo bene, incrociamo le dita!
Grazie ancora, buona giornata e complimenti per il sito!
Mara

giovedì 19 aprile 2012

Il Pastore Tedesco che distrugge l'automobile

Grazie Ezio!

Ho letto il tuo report ma non ho trovato consigli su quello che cercavo, non so se mi potrai essere d’aiuto.

Sono letteralmente disperata.

 

ATHOS è un Pastore Tedesco Alsaziano di quasi 5 anni buonissimo, pensa che sta tutto il giorno con noi in  ristorante sotto ad un tavolo senza disturbare mai.

Era buonissimo anche in macchina ma da un paio d’anni a questa parte in macchina succede una tragedia: abbaia a non finire, morde e distrugge tutto, abbiamo provato di tutto ma niente da fare, lui non smette.

Ti premetto che a scatenare tutto ciò secondo me è stato l’ultimo dei sei interventi che ha subito, è stato operato alle anche a Cremona con protesi.

La prima tutto OK, la seconda 5 interventi a causa (scoperta dopo) della Leishmaniosi.

Come devo fare? Puoi aiutarmi? Te ne sarei grata.

Se pensi ad un trasportino beh..lo ha completamente mangiato, se pensi alla museruola, ne cambiamo due a settimana.

Aiutooo!
____________________________________________ 


Ciao Irene,
ti faccio rispondere da due educatori d'eccezione, Stefania Dalla Santa e Manuel Severin del Centro Cinofilo Ai Lavai.




Salve Irene,
ci dispiace molto per la situazione cha sta vivendo con il suo amato cagnolone.

Quello che viene da pensare, dati i suoi racconti, è che negli ultimi anni il vostro Athos ha fatto molte visite, di certo non sempre gradevoli, con medici veterinari.

Probabilmente le esperienze che ha avuto l’hanno portato a creare così delle associazioni negative: viaggio in auto = probabile visita medica.

Anche la Leishmaniosi a volte può generare comportamenti insoliti ma purtroppo in questo caso noi non possiamo esserle d’aiuto perché l’argomento è molto delicato al quale potrebbe risponderle un Medico Veterinario Comportamentalista.

Se il problema fosse riconducibile alla prima ipotesi potrebbe essere sufficiente il fatto di cambiare alcune modalità riguardanti l’andare via in auto. 

Ad esempio il modo in cui si fa salire il cane nell’auto, il posto a lui dedicato, dove si va e cosa si va a fare.

Molte volte il cane associa alcuni dei nostri comportamenti a cosa sta per accadere. 

Provare a cambiare la routine proposta prima di recarsi in auto potrebbe essere d’aiuto.

Dedicare al cane una posizione diversa dove sostare durante il viaggio. 

Se solitamente il cane viaggia nel vano portabagagli, potrebbe essere spostato nel sedile posteriore o viceversa. 

Anche viaggiare in un trasportino potrebbe essere una buona soluzione anche se da quanto ci ha scritto non le è stato d’aiuto ma a tal proposito vengono in mente delle domande da farle…

Athos è stato precedentemente abituato a stare chiuso nel box  con un periodo di abituazione oppure ci è stato messo dentro e basta?? 

Il trasportino stato per caso utilizzato nei periodi di degenza per limitare i movimenti dell’animale??

Abituare il cane a stare nel trasportino richiede molto tempo ma può essere utile in diverse situazioni. 

Se è stato associato anch’esso alle spiacevoli vicende passate potrebbe essere anche questo elemento di associazioni non positive.
 
L’uso della museruola in questa situazione non può che peggiorare il problema.

Altre cose da poter fare sono ad esempio associare delle situazioni piacevoli al viaggio in auto.

Inizialmente potresti far consumare ad Athos i suoi pasti nell’auto completamente ferma per un periodo più o meno lungo poi la stessa cosa può essere riproposta con l’auto accesa. 

La fase successiva dovrebbe essere quella di cominciare a spostare l’auto di pochissimi metri.

Più l’animale si abitua, più si può aumentare la lunghezza dei tragitti (senza avere troppa fretta) associando l’arrivo a qualcosa di gradevole come ad esempio una bella passeggia, una corsa, un gioco o comunque qualcosa di molto piacevole per lui.

Sicuramente non sarà una bella passeggiata, ci vorrà un bel po’ di tempo e pazienza.

Speriamo di esserle stata d’aiuto, rimaniamo comunque a sua disposizione per eventuali altre domande e/o chiarimenti.

Stefania e Manuel 



lunedì 16 aprile 2012

adozione cane da un canile


Ciao Ezio,
abbiamo deciso di adottare un incrocio col boxer dal canile (vedi foto
allegata).

Ha circa 1 anno e mezzo.

Cosa ci consigli per iniziare un minimo di addestramento?

Grazie in anticipo.

Marco e Francesca

_______________________________________________________________

Whow!!,

bravi :-) che bel cane!

E' già in casa con voi o è ancora in canile?

Se è possibile informatevi sulla storia del cane... anche se ha una importanza relativa.

Ossia può avere importanza se ha un passato problematico...

Generalmente i problemi dei cani sono stati passati loro dagli esseri umani che li hanno gestiti, però può darsi che si portino appresso qualcosa che è meglio sapere prima....

Quello che vi consiglio Ë di porvi degli obiettivi.

Un cane è un essere vivente che sarà con voi per parecchi anni, cercate di stabilire subito come saranno scandite le vostre giornate con lui, quali saranno gli spazi in cui dovrà/potrà stare, quanto tempo giornalmente potrete dedicargli.

Con i miei cani fin dai primi istanti viene stabilito subito che ci sono dei tabù.

Non tutto è permesso.

Certe stanze sono tabù (per me il bagno e la camera da letto),

avvicinarsi al tavolo mentre noi stiamo mangiando è tabù, salire sul divano è tabù.

Queste sono regole che valgono per me, per la mia organizzazione familiare (non è detto che siano regole generali)..

Una volta stabilite da subito certe regolette la convivenza o "educazione" o "addestramento" vengono da sole.


Sul blog, se vi guardate bene tutti i post, trovate tutto quello che c'è da sapere

per stabilire un rapporto corretto e piacevole con il nuovo membro della vostra famiglia.

Una cosa che ci tengo a segnalarvi è il sito www.cibo-per-cani.com, sul quale potrete acquistare il primo cibo per cani creato da allevatori in vendita on line, un alimento professionale per il vostro cane di qualità elevatissima ad un prezzo imbattibile direttamente dal produttore a casa vostra.

Fatemi sapere come va e contattatemi pure se avete qualche problema.

In bocca al lupo.

Ezio
____________________

Nuova domanda da Marco e Francesca:

Ciao Ezio,

ci siamo sentiti, ovviamente via mail,  annunciandoti che stavamo per adottare un cane dal canile di due anni e mezzo.

E' con noi ormai da un mesetto buono, ascolta abbastanza tranne quando siamo fuori che "parte per la tangente" con gli odori e non sente più nessuno (incrocio tra pointer e boxer, segugio).

Oggi però eravamo al parco seduti sull'erba e lui a un tratto ha alzato la gamba facendomi la pipì sulla schiena.

Sai dirci che cosa significa? Sui forum abbiamo letto "sei suo quindi marchia territorio" oppure "sei inferiore per lui".

Un Grazie in anticipo, confidiamo in una tua risposta.

Marco & Francesca



Ciao Marco e Francesca ,
rispondono alla tua domanda gli Educatori Cinofili Stefania Dalla Santa e Manuel Severin  del centro cinofilo “Ai Lavai” di Arcade(Treviso).


Tutti i cani hanno un comportamento cosiddetto di Default, quindi automatico, che è quello dell’esplorazione.

Si tratta di un’esigenza che non può essere quindi cancellata ma bensì disciplinata e contestualizzata in alcuni momenti e situazioni della giornata. 

Questo comportamento è sicuramente più accentuato nei cani da caccia, in quelli di sesso maschile e nei soggetti che hanno passato e/o passano lunghi periodi rinchiusi in spazi limitati senza poter uscite per delle passeggiate.

Il nostro consiglio è di lasciare all’animale, almeno 10-15 minuti di tempo, per esplorare libero nelle immediate vicinanze di casa. 

L’operazione è possibile se si ha a disposizione un’area sicura e recintata oppure assecondando il cane con una corda o un guinzaglio estensibile di lunghe dimensioni.
(vedi anche il post sull'educazione del cane al richiamo -ezio)

La cosa probabilmente non sarà da sola sufficiente per risolvere totalmente il problema ma sicuramente abbinando il nostro consiglio a degli esercizi di attenzione e a degli esercizi mirati alla condotta e allo stare vicino da fermo, quasi sicuramente la cosa si potrebbe risolvere.

Per quanto riguarda l’atto di urinare sulla schiena i significati molte volte sono diversi e non è secondo noi giusto dare un significato a questo comportamento senza aver potuto prima analizzare bene la situazione.

A volte urinare è considerato anche un comportamento di stress e di disagio. 

La cosa migliore è quella di affrontare un piccolo corso di educazione presso un educatore cinofilo che utilizza metodi di educazione gentili, basati sulla comunicazione, sulla collaborazione e sul rispetto reciproco.

I corsi di educazione sono importanti non solo per l’animale ma anche per i proprietari che possono aver modo di imparare come entrare in sintonia col proprio amico a 4 zampe e di leggere in modo adeguato alcuni comportamenti e segnali che il cane utilizza per comunicare.

Stefania Dalla Santa e Manuel Severin