addestramento ed educazione dei cuccioli e del cane adulto

mercoledì 17 aprile 2013

Alano/Boxer che abbaia ai vicini

Salve ho un cane di 12 mesi un meticcio incrocio con mamma boxer e papà alano ora pesa 34 kg, in casa e molto tranquillo, gioca con tutta la famiglia, sia con i miei due figli che con noi. Lo abbiamo preso da un canile, lo avevano abbondonato, con i suoi fratellini e la sua mamma. All'inizio, da cucciolo non voleva uscire di casa, si faceva fatica a fare le passeggiate, non voleva camminare, quando incontrava le persone si fermava per! farsi f are le coccole, si metteva pancia all'aria o si metteva sdraiato. Ora e sucessso tutto, l'inverso, vuole sempre stare fuori abbaia a tutti e alle persone che abitano nel palazzo è un abbaio continuo, tranne a quelle persone che hanno un cane. Nel parco sotto casa mia, dove gioca con gli altri cani quando scende è sempre vigile, testa alta e rigido. Come posso fare perchè non abbai più ai vicini ?



 
Michele Caricato


Penso che l’abbaio sia molto legato all’insicurezza.

 In questo caso, fondamentalmente ci sono due cose da fare:

1.       Se possibile cercare di lasciarlo fuori per poco tempo (perché dopo un po’ si stressa, per insicurezza e quindi deve abbaiare per segnalare quello che lui ritiene sia un pericolo) oppure fare in modo che abbia un posto piccolo (solo quando è da solo) ma ben riparato, anche dalla vista dei passanti. Quando invece siete in casa o lo tenente con voi oppure se lo lasciate fuori è necessario riprenderlo se abbaia con un secco no oppure con un oggetto che fa molto rumore.
2.       La vera soluzione è però una full immersion di socializzazione:

a.      Un ora al giorno di passeggiate in posti quanto più diversi.
b.      Due volte alla settimana un uscita in parco con altri cani, meglio ancora  area dove possa giocare con i suoi simili.
c.       Un' uscita settimanale al mercato o fiera o in centro città.
d.      Due uscite al mese in stazione ferroviaria o altro posto con gente e rumori.
Durante la socializzazione il vostro atteggiamento deve essere sempre molto NEUTRO, cercate di parlare poco e di toccarlo ancora meno.  Se invece si dimostra socievole fategli tante coccole e parlategli  (bravo… ma quanto sei bravo…). Nel caso si agiti o abbai, anche qui, è importante che sia corretto.



Se questo post ti è piaciuto, oppure se non ti è piaciuto o se semplicemente vuoi esprimere la tua opinione, un tuo commento sarà in ogni caso gradito.




giovedì 11 aprile 2013

Isotta - Bulldog Inglese aggressivo


Abbiamo un bulldog inglese di nome Isotta di 4 anni super coccolata, da 2 giorni per motivi famigliari abbiamo portato a casa un Bulldog inglese maschio di 2 anni di nome Archibald. Isotta è diventata aggressiva e seppur senza mordere cerca di impedirgli di invadere i suoi spazi e lo "marca a vista": Tutto ciò è comprensibile ma che consigli ci date per agevolare l'inserimento? Di notte dormono in due locali separati (Isotta nel suo solito spazio) e tutto è tranquillo. Il problema si pone di giorno...Grazie per la risposta

 Michele Caricato


Il comportamento di Isotta è abbastanza normale ma è altrettanto normale che voi interveniate facendole capire che non le permettete di avere questo atteggiamento. L’ideale e cercare di fargli passare assieme molto tempo all’esterno e che condividano loro due, tu e gli altri membri della famiglia dei momenti assieme.

Inizierei portandoli in un parco abbastanza tranquillo (o in campagna). Un posto che sia poco conosciuto da Isotta. Li farei una passeggiata assieme di una ventina di minuti tenendoli uno a destra e l’altro a sinistra, oppure, sei hai qualcuno con te ognuno tiene un cane. Dopo questi venti minuti comincia a metterli assieme (uno accanto all’altro) per una decina di minuti. Fermatevi, rilassatevi altri e dieci minuti (falli bere e un po’ di coccole) dopodiché prendi qualche gioco e giocate tutti assieme. Se per caso ci sono momenti di tensione allontanati subito e aspetta che i cani si calmino.

Fai bene a farli dormire separati al momento, ci vorranno almeno cinque settimane prima che Isotta si adatti alla nuova situazione ma tutto sarà molto più veloce se seguirai i consigli di cui sopra:

1.      Vietare ad Isotta di esagerare con gli atteggiamenti di dominanza verso Archibald.
2.      Fare molti giochi all’esterno assieme, meglio in posti nuovi.




Se questo post ti è piaciuto, oppure se non ti è piaciuto o se semplicemente vuoi esprimere la tua opinione, un tuo commento sarà in ogni caso gradito.

giovedì 4 aprile 2013

Rimmel cane che sporca in casa

Gentile signor Ezio,
sono Sara, insieme a mia sorella abbiamo adottato, circa 2 anni fa un meticcio di nome Rimmel.
Inutile dire che è una meraviglia averlo con noi. .
Abitiamo in una casa con un giardino grande, insieme al cane abbiamo due micie con cui va d'accordo.
Rimmel per lo più sta fuori casa la notte ma durante il giorno rimane dentro.
Il problema è che continua a fare pipì su tutto: divano,tavolo,sedie,piumini del letto, giacche etc.... il fatto è che non riusciamo a coglierlo sul fatto (infatti lo fa quando noi siamo in un altra stanza oppure quando fa molto freddo e decidiamo di farlo dormire dentro).
Non sappiamo proprio come fargli perdere questo brutto vizio.
Inoltre capita che a volte scappa dal cancello e non risponde al nostro richiamo, come possiamo fare a insegnarglielo?
Quando facciamo una passeggiata e lo lasciamo libero torna sempre da noi, ma quando scappa sembra che non ascolti proprio.
La ringrazio in anticipo per il tempo dedicatomi e soprattutto per il ! grande aiuto datoci per riuscire a stare vicino ai nostri animali come loro si meritano.


Michele Caricato




Ciao,

questi sono i primi interventi che farei per il problema dello sporcare in casa:

1.       Una visita dal veterinario ed eventuali esami delle urine.

2.       Introduzione di piccole regole di comportamento e indifferenza quando il cane ha sporcato in casa. Anche se ci sembra che il cane capisca che ha sbagliato, sgridarlo dopo che ha sporcato spesso peggiora la situazione. Importante invece qualche esercizio di obbedienza da fare tutti i giorni che ci aiuti a riportare il cane al concetto che per avere attenzioni è molto meglio lavorare assieme che combinare guai.

3.       In alcuni casi il veterinario potrebbe consigliarvi la castrazione (soprattutto nel maschio).

4.       Ridurre lo spazio quando il cane viene lasciato solo può aiutarlo a diminuire la voglia di sporcare in casa in quanto vivrebbe nella zona in cui mangia e dorme (lasciamogli quindi le sue ciotole e la cuccia).

5.       Sempre per lo stesso motivo può essere utile mettere la ciotola con la pappa sempre nell’ultimo posto in cui a sporcato.

6.       Fondamentale la prima uscita della giornata che deve avvenire appena il cane si è svegliato. Le successive (due o tre per un cane adulto – tre o quattro per uno giovane) dovrebbero essere più regolari possibile prediligendo i momenti dopo la pappa e successivi ad un riposino. La sera l’ultima uscita più tardi possibile.

7.       L’iperattività e lo stress si riducono molto grazie al nostro atteggiamento che dovrebbe essere sempre distaccato quando il cane è agitato (soprattutto quando rientriamo a casa) e molto tenero e affettuoso non appena lo vediamo rilassato e tranquillo.

Facci sapere come va.

Per il fatto che scappa ti consiglio di leggere l'articolo: http://www.addestramento-del-cane.com/2012/09/come-richiamare-il-nostro-canee.html





Se questo post ti è piaciuto, oppure se non ti è piaciuto o se semplicemente vuoi esprimere la tua opinione, un tuo commento sarà in ogni caso gradito.