addestramento ed educazione dei cuccioli e del cane adulto

Visualizzazione post con etichetta con il cane in montagna. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta con il cane in montagna. Mostra tutti i post

lunedì 29 luglio 2013

Prima uscita con Nick in montagna

Prima gita in montagna con lo Schnauzer medio di 4 anni adottato da pochi giorni.

Giornata stupenda! Come al solito la giornata alla Madonnina delle penne nere sul Sasson de Val de Piera
è stata un'occasione per vivere la montagna in festa e in buona compagnia.

Il cane è stato abbastanza bravo, tira ancora tantissimo e, se in salita può fare comodo, in discesa è molto pericoloso. Ha fatto un po' il matto con gli altri cani ma tutto sommato non c'è da lamentarsi.





domenica 3 ottobre 2010

con il cane in montagna


Mi piace moltissimo fare escursioni sulle mie montagne (le Dolomiti) ed è bellissimo portare con me il cane.

Però quando si va in montagna, o comunque in un ambiente naturale esterno non circoscritto, bisogna avere mille attenzioni.


Innanzi tutto c'è sempre la tentazione di lasciare libero il nostro amico e questo, oltre ad essere proibito, è molto pericoloso.

Il cane potrebbe sfuggire al nostro controllo e mettersi ad inseguire qualche animale selvatico e le conseguenze potrebbero essere pesantissime.

C'è il pericolo che si perda, potrebbe ferire, uccidere o spingere a farsi male il malcapitato selvatico o qualche altro animale al pascolo come pecore, agnelli, mucche, galline o cavalli.

Potrebbe, avanzando libero sul sentiero, trovarsi di fronte a persone che hanno paura dei cani con conseguenze imprevedibili.

Potrebbe incontrare un altro cane e, anche se il nostro è buono e socievole, non è detto che lo sia anche l'altro.

Se proprio vogliamo lasciargli un po' più di libertà di movimento ci sono i guinzagli estensibili oppure si può utilizzare una cordicella.

E' bene accertarsi che nel percorso che intendiamo affrontare non ci siano passaggi che per il cane sono impossibili come tratti di percorso attrezzato,  scale o vie ferrate.

Anche passaggi particolarmente esposti come le "cenge" (Cengia = [pl. -ge] piccola sporgenza orizzontale in una parete rocciosa, sulla quale uno scalatore può sostare o bivaccare) possono essere pericolosi. Il cane potrebbe scivolare e cadere nel vuoto... o magari trascinare giù anche noi.

Quando si sosta nei rifugi bisogna accertarsi che il nostro animale non rechi disturbo agli altri escursionisti.

Se siamo in Veneto o Friuli Venezia Giulia è opportuno portare con se il certificato di vaccinazione antirabbica. Non conosco la situazione delle altre regioni italiane ma in queste due è sicuramente obbligatoria ed è necessario poter essere in grado di dimostrare che il nostro cane è vaccinato.

E' una regola generale quando si va in montagna e particolarmente quando abbiamo il nostro animale,  essere in due (persone). Può sempre capitare un incidente e anche un episodio di lieve entità, come una storta alla caviglia o una frattura si può trasformare in una tragedia.

E' opportuno portare con se una ciotola ed un po' d'acqua anche per il cane, specialmente d'estate.

Consultare le previsioni del tempo prima di partire.

Camminare possibilmente la mattina. Nelle ore pomeridiane, oltre a essere molto caldo c'è sempre il pericolo di temporali.

E ....buona passeggiata.


Se ti è piaciuto questo post, oppure se non ti è piaciuto o se semplicemente vuoi lasciare delle osservazioni, qualsiasi commento sarà comunque gradito.